ottimizzare wordpress per i motori di ricerca

Questo post contiene svariati consigli molto utili per il tuo sito basato su WordPress. Parliamo di questi argomenti: contenuto, tema, seo, velocità.

Contenuto

Può sembrare banale partire dal contenuto, e non è un argomento specifico per WordPress naturalmente, in quanto si applica a qualsiasi tecnologia che utilizzi per il tuo sito web.

WordPress incluso. Può sembrare banale, ma un contenuto di qualità è essenziale in una strategia di content marketing.

Uno dei motivi per cui un sito non ha molte visite potrebbe essere legato al contenuto. Non serve a nulla avere l’ultimo plugin o una super strategia SEO per avere più traffico, quando il problema è che il contenuto del sito non è molto interessante.

Prima cosa, non focalizzarti sulla quantità di contenuti, bensì sulla qualità.

Piuttosto che pubblicare 5 articoli a settimana da 300 parole, in cui troviamo le stesse cose che altre persone della tua nicchia hanno già scritto più volte, scrivine uno a settimana da 1500, ben curato ed originale.

Crea contenuto che interessa alla tua audience, anche se non è strettamente legato a servizi o prodotti che vendi – trovi moltissimi esempi di bellissimi online, come il blog di HelpScout o di Intercom o Buffer, che secondo me sono ai massimi livelli. Prendi spunto da loro, sono eccezionali. Questi blog aiutano tutti, in modo diverso, una audience che è anche il target del loro main product. Raramente pubblicano post che parlano del prodotto stesso, ma ovviamente il lettore andrà prima o poi in contatto con esso.

Il TOP è fare in modo che chi va a leggere questo post pensi che tu l’hai scritto esattamente per loro, come se tu stessi leggendo nella mente della tua audience ideale.

Il content marketing è advertising gratuito

Milioni di persone in Italia cercano su Google praticamente tutto. Se il tuo contenuto è di qualità Google lo percepisce nel tempo e ti invierà sempre più persone, sempre più occhi sulla tua azienda.

Il content marketing è branding

Non pensare tanto a quanto la creazione di contenuto può portare in termini di ROI, perchè l’insieme dei vantaggi che esso porta è difficilmente misurabile. Il tutto si può racchiudere sotto il grande ombrello del branding. Aiuta ed istruisci i tuoi possibili clienti riguardo argomenti interessanti e loro saranno lieti di essere guidati verso i tuoi prodotti o servizi. Connettiti con loro, rispondi ai commenti, e nel tempo avrai una audience pronta ad ascoltarti ed a promuoverti.

Il content marketing ti aiuta a costruire una lista email

E per la precisione ti aiuta a realizzare il primo step del funnel, ma non solo, nel tempo

Presenta bene il tuo contenuto

Visita i 3 siti che ho menzionato poco sopra, e visita qualche pagina. Cosa noti? Oltre a contenuto di incredibile qualità, hanno un design fantastico.

Se hai un occhio per il design, non c’è bisogno che te lo spieghi.

Altrimenti, non potrai non notare:

  • Pagina pulita, bella da vedere
  • Immagini bellissime
  • Tipografia di primo livello
  • Testo ben formattato, immagini di qualità all’interno del testo

Tutto questo incrementa la qualità del blog, e riesce ad esaltare il contenuto già di per sè ottimo, ma che inserito in un contesto poco gradevole risulterebbe sottovalutato ad una prima occhiata. Pensa per esempio a quelle pagine “vecchio stile” con un testo lunghissimo, senza alcuna immagine e con un font poco leggibile, che di certo non invogliano ad essere lette.

Usa un bel tema

Secondo me il 60% del look and feel del tuo contenuto viene definito dal tema scelto per il tuo sito WordPress. Un altro 20% deriva dalle immagini scelte ed il restante 20% viene dalla formattazione.

Quindi è fondamentale scegliere il tema giusto. Come fare?

Scegli un tema a pagamento

Un tema a pagamento nella maggior parte dei casi (esistono pur sempre le eccezioni) è di qualità indubbiamente superiore ad un tema gratuito. Spesso un tema a pagamento è anche più semplice da personalizzare in quanto esistono, o perlomeno dovrebbero esistere, delle guide dettagliate fornite dal designer.

Così facendo inoltre il sito non somiglierà a migliaia di siti che già usano i temi gratuiti più belli.

Scegli un tema responsive, ottimizzato per smartphone

La maggior parte dei temi oggi fornisce ottimizzazione per dispositivi mobile, quindi tablet e smartphone. Assicurati che il tuo tema abbia questa funzionalità.

Scegli un tema con molto spazio vuoto

Gli spazi vuoti sono fondamentali per un buon design. Non è necessario riempire ogni pixel della pagina, anzi. In questo modo il tuo contenuto risalta di più.

Non preoccuparti troppo della SEO, ma usa un plugin SEO

Il sito non deve avere alcun problema nel codice o nell’organizzazione che possa impattare negativamente sull’indicizzazione dei motori di ricerca.

Yoast SEO rileva e permette di risolvere i problemi più comuni, per cui una volta installato ed attivato, è sufficiente controllare cosa ci dice di fare. Inoltre, durante la stesura degli articoli ci permette di impostare una parola chiave, e determinare se abbiamo scritto il post in modo che sia ottimizzato (ma non troppo) per tale keyword.

Il plugin ha davvero tante opzioni e conviene lasciare sempre le impostazioni predefinite a meno che si sappia cosa si sta facendo.

La velocità del sito è molto importante

La velocità del sito influisce anche sulla indicizzazione da parte di Google. Un sito veloce sarà preferito ad un sito lento.

Come avere un sito veloce?

Scegli un hosting potente

Esistono ormai molti hosting dedicati esclusivamente a WordPress. Io raccomando DreamPress oppure WP Engine. Se hai già un hosting a cui sei affezionato, continua ad usarlo se la velocità del sito è accettabile.

Ottimizza le immagini

Non caricare immagini più grandi di quello che serva. Puoi usare un plugin come WP Smush per ottimizzare le immagini già caricate sul sito. Usa JPG o PNG a seconda del tipo di immagine, a volte uno dei due formati è molto più conveniente in termini di peso. La pagina non dovrebbe essere troppo pesante per non risultare troppo lenta da caricare.

Non usare troppi script esterni

La pagina se deve caricare uno script da Facebook, uno da Twitter, un altro da Disqus, e altro ancora, può essere rallentata di molto da questi server che devono essere interpellati prima che la pagina possa essere visualizzata. Cerca di usare il minor numero possibile di risorse di terze parti.

Usa una CDN

CloudFlare (o MaxCDN, o molte altre) è una CDN (Content Delivery Network) che si occupa di servire le immagini del tuo sito attraverso una rete distribuita. Questo significa che anche se il tuo server è negli stati uniti, puoi servire le immagini e gli asset del tuo sito (CSS, JS) da Milano per esempio, in quanto hanno un server anche li. E cosa molto importante, il traffico viene servito da loro e non va ad appesantire il tuo server.

Attiva una cache di WordPress

W3 Total Cache è un ottimo plugin per questo scopo. Attivandolo, le pagine non devono essere ricreate completamente ad ogni visita, ma vengono salvate nella cache in modo che dalla seconda visualizzazione in poi, sarà tutto molto più veloce.

Evita i plugin che causano eccessiva lentezza del server

WP Engine ha una lunga lista di plugin che non consentono di installare sui loro server. Se loro non li consentono, è molto probabile che anche il tuo server / sito venga colpito negativamente dall’uso di essi e ti consiglio di valutare bene se installare uno dei plugin menzionati.

Concentrati su ottimizzare le pagine più visitate

Probabilmente avrai la maggior parte delle visite su 2-3 pagine. In questo caso, cerca di fare in modo che queste siano ben ottimizzate e che si carichino velocemente, dato che è il primo punto di contatto che i tuoi visitatori hanno con te.

Scarica subito l'ebook gratuito "Dall’idea ad un sito web, in pochi semplici passi"

Slice_1

Fonda la tua presenza online.

Scopri come verificare che l’idea sia giusta, come trovare il nome di dominio giusto e partire con il tuo sito.

Odiamo lo spam, per cui stai tranquillo Powered by ConvertKit